.
Annunci online

Berlusconi-Prodi
Biologia, psicologia, sociologia e filosofia di un voto... o perchè votare Berlusconi o Prodi


Diario


23 febbraio 2005

Applausi al reazionario nazionalismo linguistico nel “Forum” di Rete 4

Il giudice Santi Lichieri e la conduttrice Dalla Chiesa hanno fato campagna per il nazionalismo linguistico e difeso con diritto e storia l’uso dell’italiano nell’UE.

Io difendo il contrario: ala volta di 3 lingue come hanno deciso o 4 con l’italiano in più come vogliano i nazionalisti di “Forum” io difendo un’unica seconda lingua, (con tendenze a diventar unica), non solo europea ma universale. Se fossero 4 lingue allora mi sembra logico che lo spagnolo venisse prima dell’italiano perchè è più usato come seconda lingua non solo in Europa ma anche nel mondo. Pero io sono più radicale e propongo solo il inglese per facilitare la comunicazione attuale e sopratutto futura. Pochi politici se potessero permettere di imparare 4 o 5 lingue ma se l’inglese diventasse seconda lingua globale insegnata nei primi ani con tendenze a diventare lingua unica, sarebbe molto più utile per la comunicazione futura.

Una lingua unica sarà uno dei passi importanti per una rivoluzione culturale globale che condurrà ad una migliore convivenza fra i popoli, pace, migliore giustizia e collaborazione.

Al contrario di quelle degli applausi per il reazionario nazionalismo linguistico io credo molto più utili la tendenza a non traduzione di parole nuove, e ad usar in tutto il mondo i termini più facile o de origine delle parole. Sono contrario alle traduzioni dei nomi di città: perchè tradurre il nome de Firenze in Portoghese “Florença”? Per arrivare a Firenze e non sapere che sono a “Florença”? Per perdere tempo a cercare la traduzione in un dizionario?

Tempo è più che soldi: tempo è vita. Una sola lingua universale faciliterebbe la comprensione globale ed economizzerebbe molti anni di vita spesi ad imparare lingue per bilione di persone.

Propongo una CAMPAGNA per un’evoluzione per un LINGUAGGIO GLOBAL:

  1. Non tradurre nuove parole: usare il primo o uno con vantaggi globali per facilità, scelto da una commissione globale di linguaggio a costituire della ONU. Per adesso propongo di usare, in tutte le lingue, la parola più facile, o quella che ognuno crede essere migliore, usando di secondo, (o fra come), quelle del suo linguaggio preferito. Per esempio "e-mail", (o "email"), "file", "tools" in tutte le lingue e propongo una campagna contro la “Commissione di Francia” che proibisce "e-mail" e vuole "courriel eletronic" ...
  2. Non tradurre nome di paesi, città, regione ...
  3. Universalizzare abbreviature: pc = personal computer, USA, UK, ...
  4. Standard logico con preferenze del più usato internazionalmente o de quelle che facilita il trattamento automatico del pc. Per esempio credo che è migliore usare tutte maiuscole per le sigle per distinguere delle parole: USA e non Usa. La scritta delle date devono diventare standard in tutto il mondo: 2005-02-23 per facilitar la scritta automatica del pc e perchè ordina cronologicamente. Meglio ancora sarebbe se diventasse di adesso un numero abbreviato: 050223 = 2005-02-23 e se i pc dessero automaticamente il numero della data attuale al marcare 0.  

( Notizia di "Famiglia Cristiana", N. 32, 2003-08-10, p.15):

"FRANCIA, L`EMAIL HA I GIORNI CONTATI, ancora una volta i francesi danno prova del loro proverbiale orgoglio d`identità. ... La Commissione generale di terminologia e neologismi, (...) ha coniato la voce "courriel", (...) pubblicato sulla "Gasetta Ufficiale", sarà d`ora in poi obbligatorio nei documenti della pubblica amministrazione, nella speranza che divenga di uso comum", 

Io propongo una campana contro questa "Commissione" e contro tutti quelli che se oppongono alla logica de una migliore comunicazione globale.

>>>Per saperne di più:

Lingua universale: inglese o esperanto?

Linguaggio globale

Bilingue, cervello più grande ... però ...????  

Mais em português:

LÍNGUA GLOBAL ou LINGUAGEM UNIVERSAL

Comentários: http://brasil.indymedia.org/pt/blue/2003/08/260867.shtml  

Do dialecto galego à língua global, dos guetos à cultura global

Língua e cultura global ou local?

TEMPO E ÉTICA GLOBAL - Wednesday, June 23rd 2004 8:32 AM

 




permalink | inviato da il 23/2/2005 alle 16:49 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia     gennaio        marzo
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario

VAI A VEDERE


berlusconi-prodi
Votare Berlusconi o Prodi?

Berlusconi
Prodi

CERCA