.
Annunci online

Berlusconi-Prodi
Biologia, psicologia, sociologia e filosofia di un voto... o perchè votare Berlusconi o Prodi


Diario


3 gennaio 2005

Antimafia, leggi, politica, giustizia ed efficienza

            Nel libro “Il Padrino” il primo compito della mafia è fare giustizia. Il più famoso pentito della mafia, Buscetta, ha iniziato a collaborare con lo Stato e la giustizia quando ha creduto che questa iniziava a funzionare. Nel programma “Forum” (R4) Tina Lagostena Bassi ha confermato le idee precedenti: la mafia è nata per mancanza di giustizia, una delle sue funzioni principali è fare la sua giustizia e la mancanza di giustizia è la sua forza.

            Ricordo la prima volta che sono stato vittima di ladri, (stranieri, perfettamente identificati e conosciuti), in Italia. Ricordo che ben tre amici, uno di Paris, altro di Canada e altro d’ex-Checoslovachia sono stati unanime in dire che in Italia era migliore ricorrere alla mafia che alla giustizia. Questo prova come in quasi tutto il mondo se crede che la giustizia in Italia non funzione ed è meglio ricorrere alla mafia.

            I fatti mi hanno mostrato che forze avevano ragione. sono ricorso alla giustizia, ho pagato ad un avvocato per fare sequestrare il mio materiale i ladri e per ricevere tutto rovinato 3 anni dopo. Quelli ladri mi hanno fato danni per più di cento mille euro e non hanno pagato niente. Lo Stato Italiano ha tenuto in consegna per tre anni materiale che in quel momento poteva valere per me €50.000 e che me ha dato distrutto 3 anni dopo per venderlo per €200. Nel frattempo ho sentito molte volte che se aveva ricorso alla mafia faceva meglio. Ricordo una note che dopo il mio spettacolo in un night club prendendo una bevuta con uno sconosciuto che mi aveva invitato per farmi complimenti, le ho raccontato quello che mi era successo e me ha detto: in cinque minuti ti faccio avere tutto quello che ti hanno rubato. Poco dopo era al telefono non so con chi a spiegare quello che mi era capitato. Però quando ha saputo che il materiale era già stato sequestrato della polizia mi ha detto che non c’era niente da fare, che doveva aspettare. In quel momento ho pensato che forze avessero ragione i miei amici che mi dicevano che in Italia era migliore ricorrere alla mafia che alla giustizia. Questo è avvenuto in 1989. Non so se molte cose sono cambiate.

Un costruttore napoletano mi ha raccontato di uno che le doveva soldi della costruzione di una villa da più di 4 anni. Ha parlato con un boss e ha avuto tutto pagato subito. Mi ha raccontato che se ricorreva alla giustizia doveva aspettare altri 4 anni, pagare altro tanto per avvocati e forse non ricevere niente. In questi giorni che leggo la notizia dei 134 omicidi nel 2004 a Napoli per il controllo del potere criminale ricordo che il Sud poteva essere ricco come il Nord se non fosse la criminalità. Una giustizia intelligente ed efficiente già aveva sequestrato le fortune alla criminalità e convertito o mezzo in galera molti dei criminali.

Il sistema giudiziario costa al cittadino some astronomiche, mentre la mafia fa some astronomiche facendo giustizia.  Come la regina dei Rom, (1), che ha lasciato appartamenti e conti bancari 9 zeri facendo giustizia. Immagino che una giustizia efficiente potrà fare soldi ed esseri utile alla società. Al contrario della stupida, ridicola e ingiusta giustizia tradizionale che fa pagare alle vittime e non i ladri e criminali.

Nella criminalità i più efficienti assumano il comando senza guardare i metodi, incluso la morte degli avversari. Nella vecchia giustizia i vecchi salgano automaticamente al potere se si sono comportati bene: con poca creatività, poca efficienza, senza dare fastidio al potere, incluso al potere criminale. Non dico che i vecchi non possano essere più efficienti dei giovani o vice-versa. La questione sta nella formazione delle gerarchie non in funzione del merito e delle capacità del momento sin delle burocrazie delle leggi fate molte volte a persona e rimaste per secoli a causare danni quando le persone e le condizioni sono cambiate. Forse molte leggi a persona sonno una forma di compensare le stupidità delle leggi quando non si additano a persone fuori del comune. In realtà si sono delle persone con il massimo di capacità fra 20 e 30 anni e altri fra 60 e 70 o incluso più vecchi. Con tante leggi, ordinamenti giudiziari, burocrazie e lobby politici difficilmente arrivano al posto giusto la persona più efficiente nel momento delle sue migliori capacità e difficilmente rimane quando è più efficiente.

Per saperne di più:

Talenti, meritocrazia e stupidaggine della vecchia giustizia tradizionale. (Sondaggio)

Inizio modulo

Mafia, Badalamenti e giustizia o stupidaggine? (Sondaggio)

Mafia, lavori infiniti e stupidaggine della vecchia giustizia

Cogne: ridicolo giornalismo e stupidaggine della giustizia?

Cogne, intelligenza di Taormina e stupidaggine della giustizia

Taormina, Saddam e Giustizia

Ministro della Giustizia Castelli, magistrati ambiziosi e la vecchia giustizia tradizionale

 

Giustizia: la riforma del Ministro Castelli e civiltà del “Ministro della Terrorista”

 (1)

Tasse, camorra, mafia, politica, giustizia: la lezione della zingara

La stupidaggine della giustizia, della politica … e l’intelligenza della regina dei Rom e del FBI




permalink | inviato da il 3/1/2005 alle 17:3 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia     dicembre        febbraio
 
 




blog letto 242410 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario

VAI A VEDERE


berlusconi-prodi
Votare Berlusconi o Prodi?

Berlusconi
Prodi

CERCA